La notte della zucca gialla

Dall’Orto Botanico con circa 100 piante diverse, alcune anche velenose, a via della Cerchia dove è murato il busto di un fantasma fino all’Enoteca Italiana, imponente esempio di architettura militare cinquecentesca. Lungo il percorso non mancheranno sorprese e rievocazioni della storia misteriosa di ogni luogo. Qualcosa di insolito e particolare è dunque in programma per la notte di Halloween (sabato 31 ottobre) a Siena, in occasione della VI giornata nazionale del Trekking Urbano. Con una novità per i bambini: un percorso studiato anche per loro. Una “Fata Guida” alle 15 da Piazza del Campo, infatti, li condurrà verso il Prato di Sant’Agostino dove ad attenderli ci sarà un ludobus stregato. Gli animatori di Giocolenuvole intratterranno i bambini fino alle 18 con giochi elaboratori sul tema di halloween e del medioevo. A cena venti ristoranti proporranno il Piatto del Trekking: menù diversi a prezzo promozionale (da 10 Euro a 25 Euro) grazie alla disponibilità dei ristoratori senesi. Per gli itinerari del Trekking Urbano, tre orari di partenza delle visite guidate gratuite che partiranno da Piazza del Campo: 18 – 19 e 20. Durante il percorso non mancheranno misteriose ed inquietanti apparizioni, animazione a cura del Teatro d’Almaviva. Si inizia con l’Orto Botanico e la sua ottocentesca “stufa”, un serra che riproduce le fitte foreste pluviali dove nascono orchidee dai grandi fiori colorati e inquietanti, piante carnivore e alberi dalle radici a forma di tentacoli. La seconda tappa ci condurrà al numero civico 50 di via della Cerchia dove è raffigurato sul muro un uomo dalla barba lunga. Secondo la tradizione si tratta di un’eremita o del ritratto di Giomo, il fantasma che infestava l’Orto Botanico. Poi sarà la volta della “Madonna del Corvo”. La leggenda vuole che un corvo colpito dalla peste si sarebbe posato sopra l’affresco e sarebbe morto fulminato per impedirne il contagio. La sosta successiva riguarda il Duomo e, in particolare, il suo “quadrato magico”: una curiosa pietra che contiene un messaggio esoterico con 5 parole leggibili dall’alto e dal basso e da destra a sinistra. Durante il Medioevo veniva utilizzato contro le forze malefiche. Poi la visita guidata procede verso Fontebranda che, secondo la leggenda, custodirebbe un tesoro nascosto dagli spagnoli nel XVI secolo. L’itinerario si conclude con la visita all’Enoteca Italiana e ai suoi splendidi locali all’interno dei bastioni della Fortezza Medicea, la più misteriosa visto che non è reperibile nessun disegno o progetto dell’imponente opera militare. Alla fine per tutti i trekker degustazione di un calice di vino offerto dall’Enoteca con i sotterranei del vino.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: